+

DarkStar nasce come sito web personale per raccogliere esperienze e osservazioni in campo astronomico con la speranza che possano essere di aiuto e ispirazione ad altri. Il sito è aperto a collaborazioni (chi "vuol fare" è sempre bene accetto), si legga a questo proposito la sezione "CHI SIAMO".

 

Cherubino - Diglit (al secolo Paolo Casarini)

ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI:

BRESSER 127 MAKSUTOV

Strumento compatto e dalla bella livrea, il Bresser 127 mutua le ottime ottiche dei Meade ETX in una meccanica migliore anche se non priva di incongruenze. Prestazioni top a patto di collimarlo bene!.

 

http://www.dark-star.it/astronomia-articoli-e-test/test-strumentali/bresser-mak-127-1900/

CAMBRIDGE DOUBLE STAR ATLAS

Che siate o meno assidui osservatori dei sistemi multipli, il Cambridge Double Star Atlas non può mancare nella vostra biblioteca.

 

http://www.dark-star.it/astronomia-articoli-e-test/libri-e-supporti/cambridge-double-star-atlas/

BATTLE OF 60mm refractors

Tre rifrattori da 60 millimetri si sfidano in alta risoluzione. Caratteristiche, epoca e lignaggio diverso, e una sorpresa notevole.

 

http://www.dark-star.it/astronomia-articoli-e-test/fighting-telescopes/battle-60mm-refractors/

 

IL SOLE CON LO SMARTPHONE

E' un articolo iniziato nel 2015 e terminato per dimenticanza solo a settembre 2017.

 

http://www.dark-star.it/fotografia-con-il-cellulare/sole/

 

DI PROSSIMA PUBBLICAZIONE:

- STEIN OPTIK 77/910: 40 e più per un rifrattore di alto livello ottico che sembra dover inviiare poco i migliori 8 cm. in circolazione.
- "PROFONDO CIELO": maggio 1995, viene pubblicato un volume che farà storia. Da oltre 20 anni con me, nel bene e nel male...
- CELESTRON C 9.25: uno Schmidt cassegrain specializzato in alta risoluzione planetaria. Pro e Contro e consigli d'uso.
- JAEGER REBORN: la riscoperta di un mio vecchio strumento, classico cerca-comete del secolo scorso che sa ancora farsi amare.
- VIXEN VISAC 200L: dopo oltre 20 anni riprovo uno strumento fantastico che va "tarato" correttamente ma che sa offrire tantissimo.
- ATLUX & SKYSENSOR 2000: piccoli problemi risolti...
- PRIMALUCELAB AIRY 130-T: tripletto da 5 pollici in FPL-53. Focale da semi astrografo ma buone performances globali.
- GEOPTIK HERCULES: un treppiedi fantastico: bello, robusto, molto ben costruito. E nemmeno troppo caro per iò che è...

M42 da Milano, con lo smartphone...

Stavo testando il Mellon 180 e ho deciso di provare a riprendere M42 con il telefonino. Il cielo milanese è un disastro: velature, inquinamento luminoso altissimo, e a tutto questo aggiungiamo un telescopio da 18 cm. con rapporto focale di F12.
Ho usato il metodo AFOCALE in proiezione di oculare, in questo caso un 24 mm. e scattato una foto singola con esposizione di 5 secondi con il mio smartphone Huawei P8 che per queste cose è davvero terribile (in senso negativo).
Però qualcosa ne è uscito...Due immagini, una con un po' più di luminosità e l'altra con meno...

THE CAMBRIDGE DOUBLE STAR ATLAS

Che sia o meno assiduo osservatore di stelle doppie il Cambridge Double Star Atlas è un'opera che non può mancare nella libreria di un buon astrofilo. Costa relativamente poco e, se bene usato, può essere compagno di mille notti. Giunto alla seconda edizione appare oggi anche più "maturo".

 

http://www.dark-star.it/astronomia-articoli-e-test/libri-e-supporti/cambridge-double-star-atlas/

GEOPTIK HERCULES TRIPOD: OVER THE TOP!

Erano anni che lo desideravo... poi, allo scorso star party a St. Barthelemy (settembre 2017) non ho saputo resistere. Ho chiacchierato lungamente con Ezio, patron della Geoptik, che è sempre disponibile, gentile e squisito nel modo di porsi e dopo aver incassato i complimenti del suo progettista per il sito Dark Star (cosa sempre gradita) mi sono lasciato vincere dal desiderio e ho acquistato il famigerato HERCULES.

Dopo due mesi di utilillo posso dire che le sue fattezze, costruzione, progettazione, soluzioni tecniche sono (con un unica piccolissima pecca) assolutamente encomiabili e lo rendono il miglior treppiedi amatoriale in legno e metallo disponibile. Portata eccezionale, solidità, semplicità di utlizzo, dicreta leggerezza (!) e soprattutto una estetica che potrebbe vederlo esposto al MOMA di New York.

BRESSER 127/1900 MAKSUTOV GREGORY

Avrei voluto il 152, lo ammetto, ma le Parche hanno tessuto diversamente i loro fili e così, dall'amico Daniele, è giunto questo "piccolo" 5 pollici a f15 bisognoso di cure, aggiustamenti, e una serie di piccoli upgrade che lo rendessero adeguato al suo rango.
Il Red Dot di serie è una schifezza improponibile (come quasi tutti questi sistemi insulsi), collimare il maksutov (de facto una rivisitazione in chiave bianca del ETX 125 di cui mutua l'ottimo set ottico) una impresa non certo agevole, ma alla fine lo strumento vale prestazioni di buon livello.

 

http://www.dark-star.it/astronomia-articoli-e-test/test-strumentali/bresser-mak-127-1900/

IN ARRIVO: MEWLON 180 su EM-10 TAKAHASHI

Consiglia questa pagina su: